domenica 30 marzo 2014

Dal vecchio al nuovo marketing

Oggi giorno il processo d’acquisto del consumatore così come ipotizzato da Philp Koltler, guru del marketing fin dalla fine degli anni ’60, non è più attuale.


La struttura d’acquisto lineare di una volta era la seguente: conoscenza (del prodotto), considerazione, intenzione, acquisto e fedeltà.
Certamente si può avere ancora questa struttura, ma sempre più in molte occasioni, con l’avvento dei social media, il processo d’acquisto passa attraverso le seguenti  fasi che sono le leve del 
- reputazione: ciò che la gente dice sulla marca  (ascolto del mercato);
relazione: coinvolgimento in modo attivo del consumatore finale;
transazione: acquisto del prodotto e aumento della reputazione dell’impresa.
Infatti, se ci sono consumatori soddisfatti e che hanno fiducia nel brand, questo migliorerà la sua reputazione anche agli occhi degli altri che ancora non sono utenti.
Ovvio quindi che, di conseguenza, sia cambiato tanto il modo di fare business quanto quello di comunicare il brand; pertanto le imprese che avranno successo saranno quelle che sapranno creare innovazione sia nel business che nella comunicazione

domenica 23 marzo 2014

L'innovazione digitale: un'opportunità da cogliere





Se è vero che all'interno di una crisi si cela sempre un’opportunità, allora bisogna coglierla. E non intendo solo in modo filosofico, ma anche in modo più che mai pragmatico.
Prendendo ancora una volta liberamente lo spunto dai contenuti proposti durante il Master in “E-Commerce e Business Online” da +ugo benini (c/o Business School del Sole 24 Ore) continuiamo a parlare di strategie di business e comunicazione e di come l’avvento del digitale sia stato visto come un’opportunità da alcuni (Netflix, Dollarshaveclub.com, Crai)  o come una minaccia da altri (Kodak, Blockbuster, …).
Oggi giorno strategie on e off-line devono più che mai integrarsi.


domenica 16 marzo 2014

Il nuovo processo d'acquisto del consumatore multicanale

Come avevo accennato nell'articolo “mobile esocial network cambiano il marketing”, il mobile ha sempre più influenzato lo stile di vita delle persone, anche come consumatori. Ne consegue che il “vecchio” marketing e le strategie di business si stanno via via modificando per adattarsi alla rivoluzione crescente determinata dall'utilizzo del mobile.

Prendendo liberamente lo spunto da una lezione di +ugo benini, tenutasi al Master in “E-commerce e Business online” alla Business school del Sole 24 Ore addentriamoci nel panorama dell’e-commerce: cosa cambia dal fare business off-line al farlo on-line? Cambia tanto, proprio perché le abitudini e modalità d’acquisto e d’informasi prima dell’acquisto sono cambiate.
Come?


lunedì 3 marzo 2014

Psicologia e motivazioni d’acquisto dei consumatori online e offline

Alcuni fattori emotivi influiscono sul comportamento dei consumatori che si trovano di fronte ad uno stimolo all'acquisto. Pertanto di questi aspetti psicologici si deve tener conto anche nel costruire un sito per l’e-commerce.


Far leva sui bisogni
Un annuncio pubblicitario deve essere un messaggio che collega il prodotto ai bisogni dei consumatori.
I bisogni a loro volta sono derivano tanto dagli impulsi primari (come la fame, la sete…) quanto, ancor più nei paesi industrialmente sviluppati, agli impulsi secondari, come la posizione sociale, il successo, l’approvazione, ecc.
Questi impulsi secondari sono quelli che più contano nel marketing, perché solitamente gli esperti del settore non si rivolgono con la loro pubblicità a gente che muore di fame o manca, comunque, di beni di prima necessità.