mercoledì 12 aprile 2017

Remarketing: come misurare i risultati

  


Negli scorsi articoli abbiamo parlato di Remarketing: cos’è e a cosa serve, perché farlo, quali tipologie vi sono e quali tipi di segmentazioni del target si possono fare. Oggi parliamo di misurazioni di risultati e di dove poter effettuare concretamente la nostra campagna.



Come misurare i risultati

Come in qualsiasi campagna digital è necessario misurare i propri risultati. Il Remarketing ha alcuni metodi di misura cruciali per qualsiasi marketer.

  •   CTR (click-throught rate): è un ottimo indice percentuale per misurare l’efficacia di una campagna pubblicitaria; lo si ottiene dividendo il numero di volte che un “ad” è stato cliccato per il numero di visualizzazioni. (Es. se 100 persone visualizzano il messaggio e 5 lo cliccano, il CTR sarà del 5%)


  •     CPC (cost per Clic): è una modalità pubblicitaria basata sull'offerta legata al  costo per clic (CPC). Il cui costo è calcolato prendendo il budget totale e dividendolo per il numero totale di click ricevuti.

  •   eCPM (cost per mille): è la stima del costo di una campagna pubblicitaria calcolato sulla base di mille letture effettive. Per conoscerlo si prende il totale del ricavato e lo si divide per il numero totale di letture e lo si moltiplica poi per mille.

  •  eCPA (costo per acquisizione): è il costo effettivo per acquisizione ed è basato sulla spesa della campagna diviso il numero di impressioni, moltiplicato per il CTR e poi per la Conversion Rate.

È un indicatore importante in quanto permette di calcolare quanto costa l’acquisizione di un potenziale cliente con una determinata campagna pubblicitaria.


  • ROI (Ritorno sugli investimenti): questa è la metrica più importante da tener presente e calcolare, perchè ci dice quanto denaro stiamo generando dal nostro annuncio; calcola, cioè, la redditività del capitale investito. Ecco come si calcola: Reddito totale dell’operazione meno il capitale investito diviso il capitale investito. Se ad esempio per una campagna ho investito 1.000 € e ne ho poi fatturato 2.000, avrò: (2.000 – 1000) : 1.000 = 1. Vuol dire che ogni € investito ne ha prodotto un altro. Ovviamente più alto è il ROI e più la campagna pubblicitaria è stata redditizia.




Dove fare la campagna

Puoi decidere di creare la tua campagna di Remarketing attraverso diverse aziende ditigal. Vediamo insieme alcune delle più famose.



  •    Google: non possiamo parlare di annunci online senza menzionare Big G! Google ha un “display ad network” molto vasto  e altri prodotti come Gmail. Google Adwords offre un ottimo servizio di Remarketing, perché permette di riproporre pubblicità ai navigatori che hanno abbandonato il sito invogliandoli così a ritornarci, creando pertanto una possibilità di acquisirli come utenti. I risultati sono analizzabili su Google Analytics nei minimi particolari


  •      Adroll: Adroll è un’opzione molto popolare per chi si occupa di marketing, in quanto ha diversi partner pubblicitari. Con Adroll puoi costruire una campagna attraverso Facebook Ads Manager, Google, Yahoo e Microsoft online ad platform. Questa vasta gamma di opzioni ti darà la possibilità di raggiungere davvero qualsiasi sito web


  •        Perfect Audience: questa è la soluzione migliore per le PMI a causa della sua facilità d’utilizzo. Non vi è necessità di avere grandi budget per lavorare con Perfect Audience, ed in più quest’ultima è compatibile con le soluzioni E-commerce più note, come Magento, Shopify e Wordpress  

           L' unico svantaggio è che, ad oggi, il servizio è fruibile esclusivamente in lingua inglese.



E se ho un negozio fisico?

L’online marketing ha senza dubbio semplificato la vita di tutti i marketers, ma non dobbiamo dimenticarci che sia nel B2B e, soprattutto, nel B2C vi sono tante transazioni e punti di incontro con il cliente (user touchpoints) anche offline.
A dimostrazione che il Remarketing sia una tattica efficace, questo può essere usato anche per i business che avvengono offline.
Come ho scritto più volte in questo blog, reale e virtuale si contaminano a vicenda, bisogna sempre pensare in termini di omnicanalità. Oggi giorno vi sono un milione di possibilità per entrare in contatto con potenziali clienti grazie al web!
Vi sono tanti modi creativi per far spostare un utente dal tuo sito o dalla tua pagina Facebook al tuo negozio in città!



Conclusioni

Remarketing è una soluzione favolosa che ti permette di finire ripetutamente di fronte agli utenti potenzialmente interessati alla tua azienda o offerta.
Ti aiuterà a migliorare le vendite guidando le persone al tuo sito web o al tuo negozio fisico.
Puoi analizzare l’efficacia della tua campagna usando diverse tipologie di misurazione come il CPC o eCPM, che abbiamo visto poc'anzi. La misurazione è molto importante, in quanto ti permette di cambiare o migliorare alcuni aspetti della tua campagna per avere il miglior risultato di Remarketing.
Ovviamente non tutti i tipi di Remarketing fin qui elencati andranno bene per il tuo business, devi testare approcci differenti per capire quello che fa al caso tuo.

Una volta trovato non dimenticare di monitorare il tuo lavoro e i tuoi risultati per avere sempre il massimo dalle campagne di Remarketing.

Nessun commento:

Posta un commento